Coronavirus Serie A: ecco tutti i giocatori infettati, ripresa in forte dubbio

Coronavirus Serie A: ecco tutti i giocatori infettati, ripresa in forte dubbio. Le notizie che giungono dagli osservatori sanitari sono ogni giorno più confortanti e sembrerebbero far presagire un indebolimento del virus con conseguente calo del numero dei contagiati.

Ministro dello Sport e autorità del calcio hanno fissato, come weekend plausibile per la ripresa effettiva del campionato, l’ultimo fine settimana di maggio ma è un dato di fatto che attualmente sono almeno sei i club con calciatori infettati e il numero degli atleti colpiti dal virus non è contenutissimo.

Solo la Sampdoria ha ben sette contagiati (Gabbiadini, Thorsby, Colley, Lagumina, Ekdal, Depaoli, Bereszynski), seguono Juventus (Rugani, Matudi, Dybala) e Fiorentina (Vlahovic, Cutrone, Pezzella) con tre infettati. Milan, Verona e Atalanta soltanto un caso a testa di contagio (Maldini, Zaccagni, Sportiello) ma è evidente che in questa situazione non si possa pensare a riprendere a giocare nell’immediato.

Non è stata ancora del tutto scartata l’ipotesi della sospensione definitiva del torneo anche perchè ci sono club che spingono per lo stop. Samp, Brescia, Juve e Atalanta, ad esempio, non disdegnerebbero il blocco del torneo a differenza di Lecce e Lazio che si vedrebbero oggettivamente penalizzate.

Elemento certo è comunque la ripresa a porte chiuse. Si ricomincerebbe da fine maggio protraendo i turni sino ad esaurimento ossia quasi ai primi di luglio. Non sarà facile per nessuno tornare in campo dopo tre mesi senza attività agonistica pur continuando ad allenarsi. Il ritmo della partita è tutt’altra cosa ed è quello che forse temono le squadre con età media dei propri calciatori alta.

Ronaldo, Ibrahimovic, Dzeko, tutti ben oltre la trentina, saranno in grado di garantire prestazioni al di sopra della media come sempre hanno fatto? Il torneo, per tale motivo, sarebbe in ogni caso “falsato” ed è uno dei motivi per cui la sospensione definitiva potrebbe avere un senso.

 

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*