Calendario Serie A recuperi: rinvio per Euro 2020, campionati chiusi entro giugno

Calendario Serie A recuperi: rinvio per Euro 2020, campionati chiusi entro giugno. Non c’è ancora nessuna ufficialità ma la stagione 2019-2020 sta per essere delineata definitivamente dalla UEFA con decisioni pesanti, ma inevitabili, a seguito dell’emergenza mondiale determinatasi per il coronavirus.

Due i punti fondamentali sul tavolo: l’Europeo di giugno e la riorganizzazione dei campionati nazionali sospesi fino almeno ad aprile. In ordine ad Euro 2020, il board UEFA avrebbe deciso per lo spostamento del torneo al 2021. Impossibile pensare ad altra soluzione anche perchè le selezioni ci arriverebbero in grandissima sofferenza fisica dopo aver fatto disputare ai “nazionali” tante gare in poche settimane e perchè il torneo dovrebbe cominciare a luglio creando poi problemi al calendario delle coppe per la stagione 2020-2021.

Per quanto riguarda i campionati nazionali, l’obiettivo è quello di far sì che terminino regolarmente. Pertanto, la ripresa dovrebbe esser fissata per il primo weekend di maggio e proseguire fino ad “esaurimento” delle giornate restanti e al netto dei recuperi dei turni in cui molte squadre non hanno giocato.

Tenendo presente che i turni da recuperare interamente sono 12, oltre alle gare che alcuni club non hanno disputato precedentemente,  si tratterebbe di “occupare” tutti i weekend fino a fine giugno più alcuni turni infrasettimanali. Probabilmente “sacrificata” la Coppa Italia, sicuramente depennata la Nations League in programma nel 2021.

La Coppa Italia, comunque, sarebbe recuperata nella stagione prossima magari “comprimendo” quella del 2020-2021.

Il dato certo, comunque, riguarda il termine entro cui far terminare i campionati: il 30 giugno. Indubbiamente si andrà incontro ad un finale di campionato “falsato” ma è l’unica strada percorribile. Da qui a maggio lo stato di forma di molte squadre sarà mutato e potrebbero non mancare sorprese clamorose sia in vetta alla classifica che in zona retrocessione.

 

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*