Mercato Milan, Gazidis dice no ad un affarone! Bloccato un nazionale

Mercato Milan, Gazidis dice no ad un affarone! Bloccato un nazionale. Se fosse vera l’indiscrezione, ci sarebbe di che arrabbiarsi nell’ambito della tifoseria milanista perchè pare che l’amministratore delegato, Ivan Gazidis, abbia posto il veto all’arrivo di uno dei giocatori più promettenti del calcio mondiale.

La situazione sarebbe questa: il Milan è a caccia di giocatori di grande qualità a centrocampo e l’arrivo di Bennacer, o la corte a Veretout, testimoniano questa necessità. Tempo fa i rossoneri avrebbero individuato un elemento che potrebbe far fare davvero il salto di qualità, ossia Everton del Gremio, tanto che Leonardo si è messo sulle tracce del centrocampista arrivando a strappare un mezzo sì al club brasiliano.

Leonardo, oltretutto, avrebbe anche raggiunto l’accordo economico col club sudamericano determinando in 40 milioni il costo del cartellino, importo alto ma non impossibile stando alle cifre odierne.

La trattativa, però, si sarebbe bloccata una volta arrivata ai “piani alti” del club rossonero, ossia una volta arrivato il momento di “scucire” concretamente i soldi per far arrivare Everton a Milano.

Gazidis avrebbe chiaramente detto di no a Leonardo, all’epoca dirigente rossonero, invocando quelle che sono le direttive del gruppo Elliott, proprietario del club rossonero. Nessun acquisto al di sopra dei 20-25 milioni anche se il giocatore in questione potrebbe in futuro costituire una plusvalenza non indifferente.

Al limite Gazidis avrebbe dato il suo assenso all’affare in caso di cessione di qualche big ma, al momento, nessuna offerta concreta è pervenuta al Milan per i vari Kessie, Cahlanoglu o Biglia. Solo per quest’ultimo si sarebbe fatta avanti la Fiorentina ma offrendo cifre molto basse.

Potrebbe essere stato proprio il veto per Everton a spingere Leonardo a lasciare il Milan per accasarsi nuovamente al Psg. Eppure il dirigente carioca raramente ha sbagliato acquisti avendo portato al Milan sia Kakà che, recentemente, Paquetà.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*