Mercato Torino, Cairo ha due colpacci in canna per l’Europa League?

Mercato Torino, Cairo ha due colpacci in canna per l’Europa League? La notizia della probabile rinuncia del Milan a partecipare alla prossima Europa League per via del fair play finanziario, ha subito allertato il Torino che, arrivato settimo, avrebbe diritto a sostituire i rossoneri nella competizione internazionale.

L’ambiente granata è già in fibrillazione e di sicuro non si farebbe trovare impreparato. Urbano Cairo è un maestro ormai del mercato e saprebbe costruire la squadra giusta per consentire a Mazzarri di fare strada anche in Europa.

Nelle ultime ore si starebbe facendo sempre più concreta la notizia di un interesse del Torino per Mario Rui del Napoli e per un vecchio pallino proprio dei partenopei, Gonalons.

Mario Rui è in uscita da Napoli che ha recuperato Ghoulam e prenderà altri terzini. Sul portoghese c’era anche il Milan ma, pare, che il Torino sia nettamente in vantaggio tanto che l’ex empolese si sarebbe già impegnato con Cairo.

Il Napoli chiede 18 milioni per il terzino ma potrebbe scendere parecchio in caso il Torino concedesse un’opzione su Bonifazi che, tornato dal prestito alla Spal, si appresta a vivere una stagione da titolare sotto la guida di Mazzarri.

Dalla Spagna, invece, arriverebbe una notizia “pesante” che riguarda Maxime Gonalons. Il centrocampista, di proprietà della Roma, tornerà nella Capitale ma non è la prima scelta di Fonseca per cui il Torino si sarebbe fatto avanti ricevendo la disponibilità sia del giocatore che dei giallorossi.

A Mazzarri Gonalons piace molto perchè dinamico, esperto e sa dettare i tempi di gioco. Ormai trentenne, Gonalons vuole una squadra che lo esalti e che gli garantisca la lotta per l’Europa e il Torino sarebbe il massimo.

Lo stipendio del francese non è insostenibile per le casse granata, 2 milioni circa, ma la Roma potrebbe dare un contributo anche in vista di una rivalutazione del giocatore che, pagato 5 milioni, potrebbe rappresentare una buona plusvalenza in futuro.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*