Gattuso consolida la panchina, i numeri sono dalla sua parte

Gattuso consolida la panchina, i numeri sono dalla sua parte. Il processo di rinascita del Milan, passato per gestioni tecniche “azzardate” e giocatori spesso sopravvalutati, si sta compiendo e non v’è dubbio che gran parte dei meriti di questo rifiorire sia da ascrivere all’allenatore attuale.

Gennaro Gattuso non ha mai acceso i cuori della tifoseria e, per la verità, raramente ha fatto vedere un gioco piacevole però con una squadra di livello non eccelso è riuscito a lottare fino all’ultimo per il quarto posto, utile per la qualificazione alla prossima Champions, ma di sicuro consentirà al Milan di tornare in Europa sebbene nel torneo meno prestigioso.

Osservando i “freddi” dati, Gattuso risulta comunque il migliore in assoluto rispetto ai recenti predecessori avendo tenuto una media punti pari a 1,74. Su 43 gare disputate ne ha vinte 20 e pareggiate 15, le sconfitte sono state appena 8.

Considerando che è la prima esperienza sulla panchina di un grande club, e che fino a gennaio non ha potuto disporre di elementi quali Piatek e Bakayoko, il bilancio è più che buono per cui la dirigenza si starebbe convincendo a non mandare via Gattuso ma a dargli fiducia oltre che una rosa ancor più competitiva.

E’ evidente che la squadra vada ritoccata. In difesa le fasce sono da mettere a posto perchè Abate lascia, Conti è sempre alle prese con problemi fisici, Rodriguez non offre ampie garanzie e Laxalt è adattato al ruolo di terzino sinistro.

Anche il centrocampo necessiterà di interventi sul mercato. Verranno tagliati i “rami secchi”, ossia quei giocatori ai margini del progetto, e inseriti giovani di prospettiva.

Gattuso vuole puntare su una linea mediana molto forte per l’anno prossimo perchè è lì che si forma il nucleo vincente della squadra. D’altronde, avendo giocato per anni accanto a Pirlo ed avendo mietuto successi strepitosi (Champions e Coppa del Mondo), è inevitabile che “Ringhio” intenda il centrocampo quale reparto chiave.

L’anno prossimo la dirigenza non pretenderà lo scudetto ma un posto in Champions sicuramente sì. Gattuso vedrà probabilmente rinforzata la sua posizione attraverso un rinnovo, e conseguente ritocco, contrattuale.

Al momento l’accordo col Milan è fino al 2021 a circa 2 milioni netti a stagione. Il club pensa di prolungare almeno di un anno il contratto riconoscendo a Gattuso circa 3 milioni netti.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*