Calciomercato Milan: centrocampo giovane per il futuro con Everton e Richarlison

Calciomercato Milan: centrocampo giovane per il futuro con Everton e Richarlison. La conferma, o meno, di Gattuso sulla panchina del Milan anche per la stagione 2019-20 non cambierà le strategie di mercato della società che ha deciso di puntare forte sui giovani di qualità per contenere un po’ le uscite in bilancio in termini di ingaggi senza dimenticare l’aspetto sportivo.

Quello che verrà, insomma, sarà un Milan giovane ma non inesperto e allo sbando. La squadra verrà ringiovanita mantenendo comunque in rosa quegli elementi di esperienza utili agli equilibri di gruppo.

Senza dubbio il reparto che più verrà toccato dal mercato è il centrocampo, settore in cui gente come Calhanoglu, Bonaventura, Bertolacci, Bakayoko e Montolivo non troverà più spazio un po’ per motivi anagrafici e un po’ per mancanza di funzionalità rispetto al nuovo progetto tecnico.

Non sarà facile rimpiazzare parecchie pedine in una volta sola ma il nuovo plenipotenziario rossonero, Gazidis, ha avuto carta bianca dalla proprietà al fine di procedere con la rivoluzione di mercato.

Sul taccuino cinque nomi: Everton, Richarlison, Meyer, Berger e Saint-Maximin. La probabile mancata qualificazione alla prossima Champions ridimensionerà per forza di cose il mercato rossonero, e quindi si punteranno con decisione un paio dei cinque citati, però non è detto che non si faccia una cessione eccellente, vedi Donnarumma, per portare in cassa diversi milioni.

Una ottantina di milioni potrebbero bastare per portare a casa Everton e Richarlison, basi di un centrocampo rossonero finalmente dinamico e con prospettive.

Il prossimo anno per il Milan deve essere quello del ritorno ai vertici e soprattutto quello della certezza della qualificazione in Champions. In difesa e in attacco si farà qualcosa ma saranno ritocchi rispetto al centrocampo.

In ottica bilancio Everton e Richarlison andrebbero ad incidere non poco ma l’eliminazione di ingaggi di giocatori ai margini (Montolivo e Bertolacci), e la cessione di altre pedine con stipendi alti (Calhanoglu), consentirebbe operazioni di mercato complesse e onerose.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*