Juventus-Real Madrid formazioni finale Champions: Allegri cambia, fuori Bale

Juventus-Real Madrid formazioni finale Champions: Allegri cambia, fuori Bale. La Storia si fa oggi e sarà Cardiff il luogo che entrerà negli annali del calcio. Juve-Real di questa sera non è una “semplice” finale di Champions, come ogni anno accade, ma è lo scontro fra due tra i club più importanti del mondo, più vincenti e destinati a dominare la scena europea per le prossime stagioni.

Tutto il mondo attende la finalissima, la copertura televisiva raggiungerà decine di nazioni perchè si tratta ormai di un evento planetario e non solo circoscritto all’ambito europeo. L’Asia e l’America seguono con attenzione il calcio del Vecchio Continente e pagano fior di quattrini per le sponsorizzazioni.

La Juve si ritrova a giocare una finale del massimo torneo europeo per club dopo vent’anni. Inutile dire che l’emozione e la determinazione dei bianconeri è al top e spetta ad Allegri tramutare questa carica positiva in successo finale.

Dal punto di vista tecnico, sembra che il tecnico bianconero non cambierà la disposizione in campo dei suoi confermando il 4-2-3-1. La novità è rappresentata dagli interpreti perchè sarà una Juve sulla carta offensiva ma nella realtà dei fatti estremamente coperta.

Buffon sarà protetto da Barzagli, Chiellini, Bonucci ed Alex Sandro. Nominalmente è una difesa a quattro ma è facile dedurre che i primi tre del quartetto di retroguardia avranno compiti prettamente di contenimento a differenza di Alex Sandro a cui sarà concesso di staccarsi per cercare incursioni in area avversaria.

In mezzo al campo giocano i titolarissimi e quindi il tandem Pjanic-Khedira. Il tedesco, ex di turno, ha grande voglia di riscatto e servirà alla squadra per contenere le folate di Isco.

Il trittico di trequartisti vedrà Mandzukic, Dybala e Dani Alves agire alle spalle dell’inamovibile Higuain. Allegri sceglie l’ex Barcellona Alves al posto del più offensivo e anarchico Cuadrado che fungerà da carta a sorpresa a match in corso.

Anche in casa Real la tensione è altissima. Arrivare in finale è un traguardo difficilissimo, vincere la competizione è un evento raro, ripetersi a distanza di un anno sarebbe un “unicum” nella storia della Champions visto che mai prima d’ora, da quando appunto il torneo non è più “Coppa dei Campioni”, una squadra è riuscita ad esultare per due anni di fila.

Zidane sa che la Juve è pericolosa e ha gli uomini giusti per far male ma sa anche di avere in squadra almeno 2-3 elementi nettamente superiori agli omologhi bianconeri. Un Ronaldo la Juve non ce l’ha ancora, ma è soprattutto a centrocampo che il Real sembra poter avere il sopravvento perchè Modric, Casemiro e Kroos potrebbero far girare la testa a Khedira e Pjanic senza contare che lo stesso Isco si abbasserà frequentemente.

Benzema sarà supportato da Ronaldo mentre in difesa Carvajal, Varane, Ramos e Marcelo proteggeranno la porta di Keylor Navas.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*