Il calcio va in vacanza, incubo per gli appassionati

Il campionato volge al termine e arriva un’estate senza Mondiali o Europei, sogno di ogni fidanzata, incubo di chi va in astinenza già dopo un solo weekend senza calcio. Per intenderci quelli che provano un brivido gelido quando sentono parlare di “sosta per la nazionale” figuriamoci al pensiero di giugno-luglio-agosto senza pallone.

C’è ancora qualche appendice interessante, come l’ultima giornata di campionato, la finale di Champions League, i playoff di serie B, i quarti di finale del nipotino al torneo della scuola media. Ma l’atmosfera da ultimi giorni di scuola serpeggia già e allora non resta che aggrapparsi al calciomercato. In questo senso si prospetta un’estate particolarmente interessante per le squadre italiane, per tutta una serie di motivi.

Il principale è che la stagione strepitosa della Juventus in Champions e quella onorevole di Torino, Napoli e Fiorentina in Europa League ha rialzato il morale del calcio italiano. E le big decadute come Milan e Inter o le grandi sempre un po’ a metà come Roma e Lazio non possono più nascondersi dietro “il calcio italiano è in crisi”. Si può fare grande calcio anche se non ci sono i milioni di qualche anno fa, basta rimboccarsi le maniche, avere buone idee e sprecare meno soldi possibile. Insomma se ci si affida a Pippo Inzaghi, se si spendono (sprecano?) 30 milioni per Iturbe, se invece di Lucas Leiva si prende David Lopez e se si prende Mancini ma a in difesa Ranocchia, Vidic e compagnia bella arrancano, non ci si può meravigliare che i risultati non arrivino.

Tutti validi motivi per aspettarsi un’estate di botti e fuochi d’artificio sulle panchine delle big e per quel che riguarda i calciatori. Se siete calcio-dipendenti, dovete accontentarvi di questo, in attesa delle prime amichevoli. Che poi magari potreste anche scoprire di essere meno “addicted” come direbbero gli americano, di quel che pensate. E questo divertente test potrebbe aiutarvi a scoprire la vostra vera natura:

che tifoso sei

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*