Roma e Juve ko, stagione da dimenticare

Decisamente non è la stagione di Roma e Juventus. Per mille motivi, motivi differenti, ma è un dato di fatto che le due squadre siano destinate ad un’annata da comprimarie.

Le sconfitte di oggi sono la fotografia sia di un ambiente in confusione sia di organici non attrezzati per lottare ad altissimi livelli.

Alle 12:30 va in scena la Juve a Lecce, il pronostico è dalla parte della Vecchia Signora ma basta un lancio dalle retrovie per far si che Di Michele si trovi faccia a faccia con Buffon che ribatte di braccio fuori area il tiro dell’attaccante e si guadagna una sacrosanta espulsione.

Giocare in dieci non è facile per nessuno ma andare compeltamente in “bambola” non è da grande squadra e così prima Mesbah e poi Bertolacci fanno festa e il Lecce si regala una giornata speciale battendo la Juventus.

Delneri non riesce a dare continuità alla sua creatura che dopo il successo sull’Inter si inchina al Lecce mostrandosi poca cosa una volta rimasta in inferiorità numerica.

Stesso discorso per la Roma anche se nel caso dei giallorossi siamo nel campo della “fantascienza” pura.

La Roma, reduce da tante sconfitte, riesce a portarsi sullo 0-3 a Marassi col Genoa e poi un inspiegabile black-out.

Si può perdere una partita che a secondo tempo abbondantemente iniziato si sta conducendo per 3 reti a 0? Evidentemente si prchè la Roma scompare dal campo nella seconda metà di gara e vanifica i gol di Mexes, Burdisso e Totti.

La rimonta incredibile dei rossoblu è opera degli attaccanti Palacio e Paloschi. I due bomber cominciano al 52′ e terminano l’opera all’86’ mettendo a segno quattro gol (due a testa) e facendo piombare la Roma all’inferno.

I giallorossi sono apparsi inesistenti nel secondo tempo, molli e senza nerbo così la sconfitta non poteva essere evitata. A nulla è valsa la dura, e deprecabile, contestazione della tifoseria giallorossa: il problema dei capitolini è evidentemente psicologico ma le dimissioni di Ranieri potrebbero dare quella scossa necessaria per rivitalizzare un gruppo senza mordente.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*