L’Inter soffre ma vince col Cagliari

L’Inter vince ma non si può dire di certo che abbia convinto.

La gara col Cagliari è quasi un impaccio in vista del match di Champions contro il Bayern Monaco e si vede dai ritmi tenuti dai nerazzurri che pur vincendo 1 a 0 (strano gol in collaborazione tra Kharja, Ranocchia e Canini) soffrono non poco le iniziative dei sardi.

Leonardo tiene a riposo qualche pezzo pregiato come Stankovic e Cambiasso ma non rinuncia alla coppia Eto’o- Pazzini; anche Donadoni propone due attaccanti (Nenè e Acquafresca) coadiuvati da Cossu che fa raccordo tra il centrocampo e le punte.

La fortuna dell’Inter è quella di sbloccare subito il match: al 7′ Kharja si insinua nell’area cagliaritana, prova una prima volta il tiro che viene ribattuto da Agazzi ma il centrocampista nerazzurro rientra in possesso di palla e scarica di nuovo a rete sfiorando Ranocchia e beccando più nettamente Canini che devia nella propria porta.

Una volta raggiunto il vantaggio però l’Inte si siede e comincia la gara del Cagliari che si rivelerà molto più pericoloso.

Gli attacchi dei sardi arrivano dai piedi di Lazzari, Cossu, Nenè e Conti ma i loro tentativi non producono nulla di determinante.

Sicchè Leonardo comincia a cambiare qualcosa ed inserisce dapprima Stankovic per Eto’o (prova non brillante la sua) e poi Cambiasso per uno stanco Thiago Motta con il chiaro intento di contenere e portare a casa il prezioso 1 a 0.

Il successo di questa sera è importantissimo in chiave rimonta scudetto ma ha evidenziato un calo di forma di alcuni uomini che potrebbe rivelarsi preoccupante in vista di mercoledì. E’ probabile che i nerazzurri abbiano giocato col freno a mano tirato per non sprecare energie ma se l’Inter è questa sarà difficilissimo battere il Bayern.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*